Caro Cliente, stiamo lavorando per continuare a offrirti il miglior servizio possibile in questo momento così difficile per tutti. Vogliamo condividere con te alcune informazioni utili su possibili ritardi nelle spedizioni. SCOPRI DI PIÙ

Al culmine della ricchezza, potente e invidiato, isolato nel fasto della propria villa sull'Hudson, vive un uomo condannato all'infelicità. Quest'uomo è Gatsby, un ex gangster chiuso nel proprio misterioso mestiere, in un falso passato da cui emerge a tratti il ricordo di un unico puro amore giovanile.

Il giovane Nick Carraway, voce narrante del romanzo, si trasferisce a New York nell'estate del 1922 e affitta una casa nella prestigiosa e sognante Long Island, abitata da moltissimi nuovi ricchi freneticamente impegnati a festeggiarsi a vicenda. Un vicino colpisce Nick in modo particolare: si tratta proprio del misterioso Jay Gatsby, che abita in una casa smisurata e vistosa, riempiendola ogni sabato sera di invitati alle sue stravaganti feste. Eppure, vive in una disperata solitudine e in un amore insensato per la cugina di Nick, Daisy…

Nella cornice di una società brillante e insoddisfatta, dove il mondo dei contrabbandieri d'alcool si mescola con quello di banchieri e delle stars, Gatsby insegue disperatamente questo suo sogno d'amore per Daisy. A nulla vale ora la sua potenza, se non a suscitare in entrambi gli amanti una dolce follia, che finirà in tragedia.

Una struggente malinconia si accompagna allo stordimento, a un senso di fatalità che grava sull'animo di questi inquieti e inquietanti personaggi. "Le ultime pagine di questo romanzo" scrive Edmund Wilson, uno dei più raffinati critici americani, "sono certamente, tanto dal punto di vista stilistico quanto da quello drammatico, tra le cose migliori della narrativa contemporanea".

Fonte: Wuz.it

Classici di ieri e di oggi letti e riassunti per te!

VAI A TUTTI I RIASSUNTI