CATALOGO LIBRI

Il contratto di comodato. Modelli romani e disciplina moderna

Autore: Antonino Milazzo
Prezzo:
€ 32,00
Spedizione gratuita in Italia
Pronto per la spedizione
in 5 giorni lavorativi
Compra nuovo
Editore: Giappichelli
Collana: Il giurista europeo
Codice EAN: 9788892116511
Anno edizione: 2018
Anno pubblicazione: 2018
Dati: VII-331 p.,libro in brossura

Note legali

NOTE LEGALI

a) Garanzia legale, Pagamenti, Consegne, Diritto di recesso
b) Informazioni sul prezzo
Il prezzo barrato corrisponde al prezzo di vendita al pubblico al lordo di IVA e al netto delle spese di spedizione
Il prezzo barrato dei libri italiani corrisponde al prezzo di copertina.
I libri in inglese di Libraccio sono di provenienza americana o inglese.
Libraccio riceve quotidianamente i prodotti dagli USA e dalla Gran Bretagna, pagandone i costi di importazione, spedizione in Italia ecc.
Il prezzo in EURO è fissato da Libraccio e, in alcuni casi, può discostarsi leggermente dal cambio dollaro/euro o sterlina/euro del giorno. Il prezzo che pagherai sarà quello in EURO al momento della conferma dell'ordine.
In ogni caso potrai verificare la convenienza dei nostri prezzi rispetto ad altri siti italiani e, in moltissimi casi, anche rispetto all'acquisto su siti americani o inglesi.
c) Disponibilità
I termini relativi alla disponibilità dei prodotti sono indicati nelle Condizioni generali di vendita.

Disponibilità immediata
L'articolo è immediatamente disponibile presso Libraccio e saremo in grado di procedere con la spedizione entro un giorno lavorativo.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Disponibile in giorni o settimane (ad es. "3-5-10 giorni", "4-5 settimane" )
L'articolo sarà disponibile entro le tempistiche indicate, necessarie per ricevere l'articolo dai nostri fornitori e preparare la spedizione.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Prenotabile o disponibile da una determinata data
La data di disponibilità prevista dell'articolo è indicata nella pagina di dettaglio del prodotto.

Attualmente non disponibile
L'articolo sarà disponibile ma non sappiamo ancora quando. Inserisci la tua mail dalla scheda prodotto attivando il servizio Libraccio “avvisami” e sarai contattato quando sarà ordinabile.

Difficile reperibilità
Abbiamo dei problemi nel reperire il prodotto. Il fornitore non ci dà informazioni sulla sua reperibilità, ma se desideri comunque effettuare l'ordine, cercheremo di averlo nei tempi indicati. Se non sarà possibile, ti avvertiremo via e-mail e l'ordine verrà cancellato.
Chiudi
La monografia affronta una ricostruzione della disciplina del commodatum alla luce della riflessione giurisprudenziale dei giuristi romani tardo-repubblicani e del principato, prendendo le mosse dal problema delle sue origini, laddove il significato socialmente rilevante che le fonti testimoniano già in età piuttosto risalente per il prestito d’uso trova riscontro, sulla base di una scontata esigenza di tutela, in un riconoscimento giuridico, riconoscimento che la riflessione di un giurista autorevole quale Quinto Mucio avvalora, fornendo testimonianza di un interesse senza dubbio approfondito per un rimedio, quello dell’actio commodati, che già nel III-II secolo a.C. doveva risultare concesso a tutela delle ragioni del comodante. L’analisi articolata della tutela processuale induce a ritenere che la giurisprudenza classica elabora l’intervenuta bilateralità della tutela processuale e la proietta sul piano sostanziale, individuando una reciprocità di obbligazioni che ci restituisce una struttura giuridica del commodatum profondamente modificata. I iuris prudentes della tarda età classica, come Paolo e Ulpiano, definiscono il perimetro, in sé assai mobile, dell’actio commodati contraria, facendovi rientrare anche il fine di tutelare l’interesse del comodatario all’utilizzo della res fino alla completa attuazione dello scopo concordato nel programma contrattuale dalle parti. Viene infine trattato il tema della responsabilità contrattuale del comodatario. L’esame condotto sulle fonti in nostro possesso sul comodato induce a ritenere che il regime della responsabilità posta a carico del comodatario sia di tipo soggettivo, ossia che nessun evento possa essergli addebitato se non si possa muovere un rimprovero per la condotta tenuta. Questo rimprovero si fonda su un comportamento del soggetto che non doveva tenere nel caso di specie, poiché non conforme al criterio di diligenza che viene a lui imposto e che viene a concretarsi in quella conformità al regime convenzionale adottato e in particolare all’utilizzo della res commodata secondo quanto pattuito dalle parti o secondo quanto può desumersi dalla natura del bene concesso in prestito. Ciò induce a ritenere che la custodia della quale parla Gaio non allude ad una forma di responsabilità oggettiva, ad onta della similitudine con le figure del lavandaio e del rammendatore, ma serve al giurista antoniniano per evidenziare uno dei contenuti principali dell’obbligazione posta a carico del comodatario. L’analisi della disciplina disegnata dai giuristi romani viene costantemente confrontata con quella posta dal codice civile italiano, raffronto dal quale emerge una profonda linea di continuità che può indurre anche a rivedere talune teorie consolidate e a rimeditare su alcune dispute teoriche non ancora sopite nella moderna civilistica.