CATALOGO LIBRI

Nanorazzismo. Il corpo notturno della democrazia

Autore: Achille Mbembe
Prezzo:
€ 18,00
Pronto per la spedizione
in 1 giorno lavorativo
Compra nuovo
Traduttore: Guido Lagomarsino
Editore: Laterza
Collana: Tempi nuovi
Codice EAN: 9788858132814
Anno edizione: 2019
Anno pubblicazione: 2019
Dati: 192 p., brossura
Disponibile anche in eBook a € 10,99

Note legali

NOTE LEGALI

a) Garanzia legale, Pagamenti, Consegne, Diritto di recesso
b) Informazioni sul prezzo
Il prezzo barrato corrisponde al prezzo di vendita al pubblico al lordo di IVA e al netto delle spese di spedizione
Il prezzo barrato dei libri italiani corrisponde al prezzo di copertina.
I libri in inglese di Libraccio sono di provenienza americana o inglese.
Libraccio riceve quotidianamente i prodotti dagli USA e dalla Gran Bretagna, pagandone i costi di importazione, spedizione in Italia ecc.
Il prezzo in EURO è fissato da Libraccio e, in alcuni casi, può discostarsi leggermente dal cambio dollaro/euro o sterlina/euro del giorno. Il prezzo che pagherai sarà quello in EURO al momento della conferma dell'ordine.
In ogni caso potrai verificare la convenienza dei nostri prezzi rispetto ad altri siti italiani e, in moltissimi casi, anche rispetto all'acquisto su siti americani o inglesi.
c) Disponibilità
I termini relativi alla disponibilità dei prodotti sono indicati nelle Condizioni generali di vendita.

Disponibilità immediata
L'articolo è immediatamente disponibile presso Libraccio e saremo in grado di procedere con la spedizione entro un giorno lavorativo.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Disponibile in giorni o settimane (ad es. "3-5-10 giorni", "4-5 settimane" )
L'articolo sarà disponibile entro le tempistiche indicate, necessarie per ricevere l'articolo dai nostri fornitori e preparare la spedizione.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Prenotabile o disponibile da una determinata data
La data di disponibilità prevista dell'articolo è indicata nella pagina di dettaglio del prodotto.

Attualmente non disponibile
L'articolo sarà disponibile ma non sappiamo ancora quando. Inserisci la tua mail dalla scheda prodotto attivando il servizio Libraccio “avvisami” e sarai contattato quando sarà ordinabile.

Difficile reperibilità
Abbiamo dei problemi nel reperire il prodotto. Il fornitore non ci dà informazioni sulla sua reperibilità, ma se desideri comunque effettuare l'ordine, cercheremo di averlo nei tempi indicati. Se non sarà possibile, ti avvertiremo via e-mail e l'ordine verrà cancellato.
Chiudi

Achille Mbembe, uno dei maggiori intellettuali contemporanei, si addentra nelle dinamiche che rendono l’identificazione dell’altro come nemico la modalità dominante di relazione nella società contemporanea.

«Il nanorazzismo è il razzismo fatto cultura e respiro, nella sua banalità e nella sua capacità d’infiltrarsi nei pori e nelle vene della società, nell’ora dell’ammaliamento di massa.»

Il mondo è divenuto piccolo: se quello delle grandi ‘scoperte’ e, successivamente, del periodo coloniale sembrava senza limiti, oggi possiamo percepirne la finitezza. La consapevolezza di questo mondo delimitato e attraversato costantemente da flussi di persone, di capitali e di dati, alimenta la convinzione di dover proteggere noi stessi dagli altri costruendo muri, frontiere, sbarramenti. Gli ‘altri da noi’ vengono interpretati come nemici che minacciano i nostri valori, per quanto vagamente essi siano definiti, e il razzismo si infiltra nella cultura di massa, nella buona società, nel nostro futuro prevedibile. Da qui il titolo del libro di Achille Mbembe: il Nanorazzismo è «quella forma narcotica del pregiudizio di colore che si esprime nei gesti in apparenza neutri di ogni giorno, nello spazio di un nulla, di una frase in apparenza inconsapevole, di una battuta, di un’allusione o di un’insinuazione, di un lapsus, di una barzelletta, di un sottinteso e, bisogna pur dirlo, di una cattiveria voluta, di un intento malevolo, di uno sgambetto o di un placcaggio intenzionali, di un’oscura voglia di stigmatizzare e soprattutto di fare violenza, ferire e umiliare, di infangare chi non si considera dei nostri.» Rintracciando nella tirannia dei regimi coloniali e schiavistici il seme di queste dinamiche di ostilità e sopraffazione, Achille Mbembe esamina i vettori di una violenza planetaria che oggi si manifesta nel risorgere dei nazionalismi atavici, nella guerra contro ‘il terrorismo’ e nel razzismo di stato che, con il pretesto della difesa della civiltà, spazza via gli elementi della democrazia e sospende i diritti dei cittadini. È così che progressivamente accettiamo uno scivolamento autoritario nel nome della sicurezza e della protezione della nostra libertà.