CATALOGO LIBRI

Libro secondo: Processo di cognizione Art. 267-274 bis. Intervento di terzi e riunione di procedimenti

Autore: Gian Paolo Califano
Prezzo:
€ 54,80
Spedizione gratuita in Italia
Pronto per la spedizione
in 5 giorni lavorativi
Compra nuovo
Editore: Zanichelli
Collana: Commentario Codice di procedura civile
Codice EAN: 9788808071255
Anno edizione: 2018
Anno pubblicazione: 2018
Dati: 288 p.

Note legali

NOTE LEGALI

a) Garanzia legale, Pagamenti, Consegne, Diritto di recesso
b) Informazioni sul prezzo
Il prezzo barrato corrisponde al prezzo di vendita al pubblico al lordo di IVA e al netto delle spese di spedizione
Il prezzo barrato dei libri italiani corrisponde al prezzo di copertina.
I libri in inglese di Libraccio sono di provenienza americana o inglese.
Libraccio riceve quotidianamente i prodotti dagli USA e dalla Gran Bretagna, pagandone i costi di importazione, spedizione in Italia ecc.
Il prezzo in EURO è fissato da Libraccio e, in alcuni casi, può discostarsi leggermente dal cambio dollaro/euro o sterlina/euro del giorno. Il prezzo che pagherai sarà quello in EURO al momento della conferma dell'ordine.
In ogni caso potrai verificare la convenienza dei nostri prezzi rispetto ad altri siti italiani e, in moltissimi casi, anche rispetto all'acquisto su siti americani o inglesi.
c) Disponibilità
I termini relativi alla disponibilità dei prodotti sono indicati nelle Condizioni generali di vendita.

Disponibilità immediata
L'articolo è immediatamente disponibile presso Libraccio e saremo in grado di procedere con la spedizione entro un giorno lavorativo.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Disponibile in giorni o settimane (ad es. "3-5-10 giorni", "4-5 settimane" )
L'articolo sarà disponibile entro le tempistiche indicate, necessarie per ricevere l'articolo dai nostri fornitori e preparare la spedizione.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Prenotabile o disponibile da una determinata data
La data di disponibilità prevista dell'articolo è indicata nella pagina di dettaglio del prodotto.

Attualmente non disponibile
L'articolo sarà disponibile ma non sappiamo ancora quando. Inserisci la tua mail dalla scheda prodotto attivando il servizio Libraccio “avvisami” e sarai contattato quando sarà ordinabile.

Difficile reperibilità
Abbiamo dei problemi nel reperire il prodotto. Il fornitore non ci dà informazioni sulla sua reperibilità, ma se desideri comunque effettuare l'ordine, cercheremo di averlo nei tempi indicati. Se non sarà possibile, ti avvertiremo via e-mail e l'ordine verrà cancellato.
Chiudi
Due gli istituti trattati nel volume. Dapprima l'autore esamina gli art. da 267 a 272 cod. proc. civ. sulle forme e termini degli interventi volontari o coatti nel processo di cognizione (e negli ulteriori riti processuali), e poi dedica attenzione all'elaborazione dottrinale e giurisprudenziale sulla riunione dei procedimenti relativi alla «stessa causa» (art. 273 cod. proc. civ.) o a «cause connesse» (art. 274 cod. proc. civ.) pendenti davanti allo stesso giudice. Per poi concludere ricordando le ragioni dell'abrogazione dell'art. 274-bis del codice di rito civile. Istituti disciplinati nella Sezione IV del Capo II del Libro II del codice di procedura civile ed ivi accorpati per la comune ratio di economia processuale ed esigenza di scongiurare giudicati contraddittori, secondo i casi, sul piano meramente logico o anche pratico. E trattati alla luce dell'art. 111 della Carta costituzionale, ormai compiutamente inteso, almeno in dottrina, con interpretazione che rigetta l'abuso del principio della ragionevole durata del processo, in favore dell'effettività del contraddittorio e del diritto di difesa delle parti. Non mancano, inevitabilmente, chiarimenti sugli istituti degli interventi volontari o coatti, pur se destinati in questo Commentario ad approfondimenti nella trattazione dei relativi articoli. E, quanto agli art. 273 e segg., richiami al concetto della connessione fra cause e della litispendenza, pur se già approfonditamente trattati nel commento agli art. 31-40 cod. proc. civ.