Modernità e olocausto

Autore: Zygmunt Bauman
Prezzo:
€ 12,00 prezzo di copertina
Prezzo online:
nuovo € 10,20
Pronto per la spedizione
in 1 giorno lavorativo
Compra nuovo
usato € 6,48 per saperne di più
Pronto per la spedizione
in 5 giorni lavorativi
Compra usato
Traduttore: M. Baldini
Editore: Il Mulino
Collana: Biblioteca paperbacks
Codice EAN: 9788815134158
Dati: 2010, 280 p., brossura
Sia la memoria collettiva sia la letteratura scientifica hanno tentato di eludere il significato più profondo dell'olocausto, riducendolo a un episodio della storia millenaria dell'antisemitismo o considerandolo un incidente di percorso, una barbara ma temporanea deviazione dalla via maestra della civilizzazione. A queste rassicuranti interpretazioni l'autore contrappone una spietata analisi di quanto accadde nei campi di sterminio non come una sorta di "malattia" sociale, ma come fenomeno legato alla condizione "normale" della società. Secondo Bauman l'olocausto è inestricabilmente connesso alla logica della modernità così come si è sviluppata in Occidente. La razionalizzazione e la burocratizzazione tipiche della civiltà occidentale sono state condizione necessaria del genocidio nazista: esso fu l'esito dell'incontro fra lo sconvolgimento sociale causato dalla modernizzazione, con il suo portato di angosciose insicurezze, e i poderosi strumenti di ingegneria sociale creati dalla modernità stessa. La lezione dell'olocausto va dunque appresa nella sua radicalità, specie in un mondo ancora una volta travagliato da concitate trasformazioni e rinnovati problemi di convivenza fra culture ed etnie.