La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme

Autore: Hannah Arendt
Prezzo:
€ 11,00 prezzo di copertina
Prezzo online:
nuovo € 9,35
Pronto per la spedizione
in 1 giorno lavorativo
Compra nuovo
usato € 5,94 per saperne di più
Pronto per la spedizione
in 3 giorni lavorativi
Compra usato
Traduttore: P. Bernardini
Editore: Feltrinelli
Collana: Universale economica. Saggi
Codice EAN: 9788807883224
Dati: 2013, 320 p., brossura, 20 ed.
Disponibile anche in eBook a € 6,99
Otto Adolf Eichmann, figlio di Karl Adolf e di Maria Schefferling, catturato in un sobborgo di Buenos Aires la sera dell'11 maggio 1960, trasportato in Israele nove giorni dopo e tradotto dinanzi al Tribunale distrettuale di Gerusalemme l'11 aprile 1961, doveva rispondere di 15 imputazioni. Aveva commesso, in concorso con altri, crimini contro il popolo ebraico e numerosi crimini di guerra sotto il regime nazista. L'autrice assiste al dibattimento in aula e negli articoli scritti per il "New Yorker", sviscera i problemi morali, politici e giuridici che stanno dietro il caso Eichmann. Il Male che Eichmann incarna appare nella Arendt "banale", e perciò tanto più terribile, perché i suoi servitori sono grigi burocrati.