Processo ai nemici di Israele. Critiche alle tesi di Jimmy Carter e ai detrattori che ostacolano il cammino verso la pace

Autore: Alan M. Dershowitz
Prezzo:
€ 19,50
Pronto per la spedizione
in 1 giorno lavorativo
Compra nuovo
Traduttore: Gabriella Serravalle
Editore: Eurilink
Collana: Tempi moderni
Codice EAN: 9788895151281
Anno edizione: 2009
Anno pubblicazione: 2009
Dati: 307 p., brossura

Note legali

NOTE LEGALI

a) Garanzia legale, Pagamenti, Consegne, Diritto di recesso
b) Informazioni sul prezzo
Il prezzo barrato corrisponde al prezzo di vendita al pubblico al lordo di IVA e al netto delle spese di spedizione
Il prezzo barrato dei libri italiani corrisponde al prezzo di copertina.
I libri in inglese di Libraccio sono di provenienza americana o inglese.
Libraccio riceve quotidianamente i prodotti dagli USA e dalla Gran Bretagna, pagandone i costi di importazione, spedizione in Italia ecc.
Il prezzo in EURO è fissato da Libraccio e, in alcuni casi, può discostarsi leggermente dal cambio dollaro/euro o sterlina/euro del giorno. Il prezzo che pagherai sarà quello in EURO al momento della conferma dell'ordine.
In ogni caso potrai verificare la convenienza dei nostri prezzi rispetto ad altri siti italiani e, in moltissimi casi, anche rispetto all'acquisto su siti americani o inglesi.
c) Disponibilità
I termini relativi alla disponibilità dei prodotti sono indicati nelle Condizioni generali di vendita.

Disponibilità immediata
L'articolo è immediatamente disponibile presso Libraccio e saremo in grado di procedere con la spedizione entro un giorno lavorativo.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Disponibile in giorni o settimane (ad es. "3-5-10 giorni", "4-5 settimane" )
L'articolo sarà disponibile entro le tempistiche indicate, necessarie per ricevere l'articolo dai nostri fornitori e preparare la spedizione.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Prenotabile o disponibile da una determinata data
La data di disponibilità prevista dell'articolo è indicata nella pagina di dettaglio del prodotto.

Attualmente non disponibile
L'articolo sarà disponibile ma non sappiamo ancora quando. Inserisci la tua mail dalla scheda prodotto attivando il servizio Libraccio “avvisami” e sarai contattato quando sarà ordinabile.

Difficile reperibilità
Abbiamo dei problemi nel reperire il prodotto. Il fornitore non ci dà informazioni sulla sua reperibilità, ma se desideri comunque effettuare l'ordine, cercheremo di averlo nei tempi indicati. Se non sarà possibile, ti avvertiremo via e-mail e l'ordine verrà cancellato.
Chiudi
Chi sono i più pericolosi nemici di Israele? Alan Dershowitz sostiene non siano solo Hamas o gli altri terroristi palestinesi. In questo appassionato libro, l'autore sfida quelli che ritiene siano la vera minaccia per l'esistenza di Israele, tra cui Jimmy Carter e altri intellettuali o politici occidentali che presentano Israele come un regime di apartheid, non dissimile da quello che crearono i bianchi nel Sudafrica. Stephen Walt e John Mearsheimer, che rappresentano i nemici-accademici di Israele, e alcuni gruppi religiosi, come la Chiesa presbiteriana, accusano Israele di violazioni dei diritti umani, mentre l'Iran, guidato da Mahmoud Ahmadinejad, contesta le ragioni stesse dell'esistenza di uno Stato ebraico, adombrando lo spettro nucleare. In un momento in cui il futuro di Israele sembra essere sempre più a repentaglio, Dershowitz dimostra che questi nemici di Israele sono i veri avversari della pace, che mettono in pericolo non solo Israele, ma tutto il mondo. Anche se Carter riceve un'attenzione critica approfondita, l'autore prende in considerazione altri "nemici": da Noam Chomsky e Patrick Buchanan a Hezbollah e al governo iraniano. Con la precisione di un attento osservatore e con l'approccio rigoroso di un avvocato esperto, Alan Dershowitz presenta le dichiarazioni dei suoi avversari con le loro stesse parole inserite nel giusto contesto, evidenziando le contraddizioni che portano i detrattori di Israele a non arrivare mai a una conclusione logica e definitiva delle tesi sostenute. Ciò, comunque, non annulla la pericolosità delle tesi esposte, che sollecitano divergenti interpretazioni all'interno dello stesso mondo ebraico sul processo di pace e sulla necessità di consolidarla con la creazione di un autonomo Stato palestinese.