Edoardo Bennato. Venderò la mia rabbia

Autore: Francesco Donadio
Prezzo:
€ 18,50 prezzo di copertina
Prezzo online:
€ 8,32
Pronto per la spedizione
in 1 giorno lavorativo
Compra nuovo
Editore: Arcana
Codice EAN: 9788862311588
Dati: 2011, 348 p., ill., brossura
Di Edoardo Bennato oggi si parla davvero (troppo) poco. Eppure, negli anni Settanta è stato forse il più amato tra i cantautori e ha creato almeno una trentina di brani che possono essere considerati dei classici della nostra discografia. Canzoni come "Salviamo il salvabile", "Un giorno credi" e "Meno male che adesso non c'è Nerone" hanno rappresentato la colonna sonora di una generazione immersa in una confusa realtà quotidiana fatta di austerity, di scontri di piazza e di terrorismo che via via diventava sempre più imprevedibile e feroce. Una carriera tutta in salita, quella di Bennato, che ha dovuto lottare con le unghie e con i denti per conquistarsi il proprio posto al sole. Il cammino, dai primi concertini con i fratelli nella Napoli degli anni Cinquanta passando per il trionfo di San Siro nel luglio 1980 di fronte a 80mila persone in delirio, fino a giungere al recente inno per i 150 anni dell'Unità d'Italia, non è certo stato una passeggiata. Se Edoardo ce l'ha fatta, è stato grazie alla sua (sana) rabbia, e alla ferma convinzione nel proprio talento. "Venderò la mia rabbia" è stato scritto avvalendosi degli archivi a disposizione (dischi, liri, riviste, quotidiani, Teche Rai) e intervistando i più stretti collaboraton del cantautore/rocker di Bagnoli, fratelli (Eugenio e Giorgio) compresi.