Caro lettore, ti informiamo che dal 25 marzo 2020 entra in vigore in Italia la nuova “Legge per la promozione e il sostegno della lettura”, che consente di vendere libri con uno sconto massimo del 5%, salvo occasioni speciali.

Stiamo lavorando per continuare a offrirti il miglior servizio possibile. Vogliamo condividere con te alcune informazioni utili. SCOPRI

Il Veronese della pinacoteca provinciale di Bari. Storia, arte, restauro

Prezzo:
€ 20,00
Attualmente non disponibile
usato € 10,80 per saperne di più
Pronto per la spedizione
in 5 giorni lavorativi
Compra usato
Curatore: Clara Gelao
Editore: Marsilio
Collana: Libri illustrati
Codice EAN: 9788831719353
Anno edizione: 2014
Anno pubblicazione: 2014
Dati: 96 p., ill.

Note legali

NOTE LEGALI

a) Garanzia legale, Pagamenti, Consegne, Diritto di recesso
b) Informazioni sul prezzo
Il prezzo barrato corrisponde al prezzo di vendita al pubblico al lordo di IVA e al netto delle spese di spedizione
Il prezzo barrato dei libri italiani corrisponde al prezzo di copertina.
I libri in inglese di Libraccio sono di provenienza americana o inglese.
Libraccio riceve quotidianamente i prodotti dagli USA e dalla Gran Bretagna, pagandone i costi di importazione, spedizione in Italia ecc.
Il prezzo in EURO è fissato da Libraccio e, in alcuni casi, può discostarsi leggermente dal cambio dollaro/euro o sterlina/euro del giorno. Il prezzo che pagherai sarà quello in EURO al momento della conferma dell'ordine.
In ogni caso potrai verificare la convenienza dei nostri prezzi rispetto ad altri siti italiani e, in moltissimi casi, anche rispetto all'acquisto su siti americani o inglesi.
c) Disponibilità
I termini relativi alla disponibilità dei prodotti sono indicati nelle Condizioni generali di vendita.

Disponibilità immediata
L'articolo è immediatamente disponibile presso Libraccio e saremo in grado di procedere con la spedizione entro un giorno lavorativo.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Disponibile in giorni o settimane (ad es. "3-5-10 giorni", "4-5 settimane" )
L'articolo sarà disponibile entro le tempistiche indicate, necessarie per ricevere l'articolo dai nostri fornitori e preparare la spedizione.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Prenotabile o disponibile da una determinata data
La data di disponibilità prevista dell'articolo è indicata nella pagina di dettaglio del prodotto.

Attualmente non disponibile
L'articolo sarà disponibile ma non sappiamo ancora quando. Inserisci la tua mail dalla scheda prodotto attivando il servizio Libraccio “avvisami” e sarai contattato quando sarà ordinabile.

Difficile reperibilità
Abbiamo dei problemi nel reperire il prodotto. Il fornitore non ci dà informazioni sulla sua reperibilità, ma se desideri comunque effettuare l'ordine, cercheremo di averlo nei tempi indicati. Se non sarà possibile, ti avvertiremo via e-mail e l'ordine verrà cancellato.
Chiudi
Il volume giunge a poca distanza dalla conclusione (2013) del restauro del dipinto di Paolo Veronese conservato presso la Pinacoteca di Bari: un'opera di qualità assai elevata giuntaci purtroppo in condizioni deprecabili a causa di una serie di sfortunate circostanze, a cominciare dal suo abbandono in un oscuro deposito della cattedrale di Bari per quasi un secolo, dal 1740 circa sino agli inizi del terzo decennio dell'Ottocento, quando fu ritrovata dal maresciallo Giuseppe Clary, fratello dell'allora arcivescovo di Bari Michele Basilio Clary, che ne promossero il restauro. E fu proprio quest'ultimo, eseguito con le metodologie inadeguate proprie dell'epoca, a causare danni pressoché irreparabili, tanto da aver reso necessario, nel secolo scorso, ben altri tre interventi, di cui l'ultimo effettuato a Roma, presso l'Istituto Centrale del Restauro, nel 1951. Il restauro, quinto in ordine di tempo, illustrato in questo volume, è stato particolarmente laborioso e delicato ed è stato accompagnato da una serie di approfondite indagini scientifiche: il risultato finale, pressoché stupefacente, ha permesso finalmente il recupero dell'originale, pur molto abraso, restituendo un'ottima leggibilità al dipinto. L'operazione è stata anche una preziosa occasione per approfondire lo studio dell'opera, a torto considerata giovanile, ma databile invece, su base documentaria, intorno alla metà degli anni settanta del Cinquecento.