Assistenza all'infanzia abbandonata. I progetti nel Regno delle due Sicilie (secoli XVIII e XIX)

Autore: Luigi Citarella
Prezzo:
€ 20,00
Pronto per la spedizione
in 5 giorni lavorativi
Compra nuovo
Editore: CEDAM
Codice EAN: 9788813367183
Anno edizione: 2017
Anno pubblicazione: 2017
Dati: brossura

Note legali

NOTE LEGALI

a) Garanzia legale, Pagamenti, Consegne, Diritto di recesso
b) Informazioni sul prezzo
Il prezzo barrato corrisponde al prezzo di vendita al pubblico al lordo di IVA e al netto delle spese di spedizione
Il prezzo barrato dei libri italiani corrisponde al prezzo di copertina.
I libri in inglese di Libraccio sono di provenienza americana o inglese.
Libraccio riceve quotidianamente i prodotti dagli USA e dalla Gran Bretagna, pagandone i costi di importazione, spedizione in Italia ecc.
Il prezzo in EURO è fissato da Libraccio e, in alcuni casi, può discostarsi leggermente dal cambio dollaro/euro o sterlina/euro del giorno. Il prezzo che pagherai sarà quello in EURO al momento della conferma dell'ordine.
In ogni caso potrai verificare la convenienza dei nostri prezzi rispetto ad altri siti italiani e, in moltissimi casi, anche rispetto all'acquisto su siti americani o inglesi.
c) Disponibilità
I termini relativi alla disponibilità dei prodotti sono indicati nelle Condizioni generali di vendita.

Disponibilità immediata
L'articolo è immediatamente disponibile presso Libraccio e saremo in grado di procedere con la spedizione entro un giorno lavorativo.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Disponibile in giorni o settimane (ad es. "3-5-10 giorni", "4-5 settimane" )
L'articolo sarà disponibile entro le tempistiche indicate, necessarie per ricevere l'articolo dai nostri fornitori e preparare la spedizione.
Nota: La disponibilità prevista fa riferimento a singole disponibilità.

Prenotabile o disponibile da una determinata data
La data di disponibilità prevista dell'articolo è indicata nella pagina di dettaglio del prodotto.

Attualmente non disponibile
L'articolo sarà disponibile ma non sappiamo ancora quando. Inserisci la tua mail dalla scheda prodotto attivando il servizio Libraccio “avvisami” e sarai contattato quando sarà ordinabile.

Difficile reperibilità
Abbiamo dei problemi nel reperire il prodotto. Il fornitore non ci dà informazioni sulla sua reperibilità, ma se desideri comunque effettuare l'ordine, cercheremo di averlo nei tempi indicati. Se non sarà possibile, ti avvertiremo via e-mail e l'ordine verrà cancellato.
Chiudi
Nel XIX secolo l’abbandono dei neonati, non solo illegittimi, era ampiamente diffuso e socialmente accettato in tutta l’Europa. Nel Regno di Napoli, durante il primo periodo borbonico, l’assistenza all’infanzia abbandonata, nonostante le spinte laiciste di Carlo, era ancora affidata alla Chiesa. Nel primo decennio dell’Ottocento il governo francese si mostrò più attento alla tutela dei disagiati e, in particolare, dei projetti. La normativa che regolava la loro accoglienza subì modifiche radicali. Invece di un’assistenza precaria, affidata principalmente alle opere caritative e religiose, si cercò di organizzare un sistema provinciale fortemente centralizzato. Il programma di assistenza fu confermato e ulteriormente rafforzato durante la restaurazione borbonica. I nuovi regolamenti, tanto accurati nel descrivere i bisogni dei projetti, risultarono ambigui nell’indicare i mezzi e le misure per soddisfarli. Accanto alla continua emergenza finanziaria l’altro grande problema era costituito dalla distribuzione degli ospizi e delle risorse sul territorio nazionale, che determinò lo sviluppo di alcuni centri di eccellenza, in particolare gli orfanotrofi di Giovinazzo e di San Ferdinando in Salerno, che escluse, però, alcune aree più povere del Regno come la Basilicata e la Terra d’Otranto. Se è vero che i benefici accordati dal governo al ramo assistenziale si tradussero nel primo quarto del XIX secolo in una marcata riduzione dei tassi di mortalità all’interno dei brefotrofi del regno, è anche vero che le idee innovative, che ispirarono le riforme dei primi decenni del secolo, furono sacrificate alle ineludibili ragioni della finanza pubblica. A subirne le conseguenze furono i bambini e specialmente le bambine abbandonate.