Diario di scuola

Autore: Daniel Pennac
Prezzo:
€ 9,50 prezzo di copertina
Prezzo online:
nuovo € 8,07
Pronto per la spedizione
in 1 giorno lavorativo
Compra nuovo
usato € 5,13 per saperne di più
Pronto per la spedizione
in 4 giorni lavorativi
Compra usato
Traduttore: Y. Mélaouah
Editore: Feltrinelli
Collana: Universale economica
Codice EAN: 9788807880902
Dati: 2013, 243 p., brossura, 5 ed.
Disponibile anche in eBook a € 6,99
L'autore affronta il grande tema della scuola dal punto di vista degli alunni. In verità dicendo "alunni" si dice qualcosa di troppo vago: qui è in gioco il punto di vista degli "sfaticati", dei "fannulloni", degli "scavezzacollo", dei "marioli", dei "cattivi soggetti", insomma di quelli che vanno male a scuola. Pennac, ex scaldabanco lui stesso, studia questa figura popolare e ampiamente diffusa dandogli nobiltà, restituendogli anche il peso d'angoscia e di dolore che gli appartiene. Il libro mescola ricordi autobiografici e riflessioni sulla pedagogia, sulle universali disfunzioni dell'istituto scolastico, sul ruolo dei genitori e della famiglia, sulla devastazione introdotta dal giovanilismo, sul ruolo della televisione e di tutte le declinazioni dei media contemporanei. E da questo rovistare nel "mal di scuola" che attraversa con vitalissima continuità i vagabondaggi narrativi di Pennac vediamo anche spuntare una non mai sedata sete di sapere e d'imparare che contrariamente ai più triti luoghi comuni, anima i giovani di oggi come quelli di ieri. Con la solita verve, l'autore della saga dei Malaussène movimenta riflessioni e affondi teorici con episodi buffi o toccanti, e colloca la nozione di amore, così ferocemente avversata, al centro della relazione pedagogica.