Ma l'amor mio non muore! (Mario Caserini, 1913). La diva e l'arte di comporre lo spazio

Autore: Stella Dagna
Prezzo:
€ 8,00 prezzo di copertina
Prezzo online:
€ 6,80
Pronto per la spedizione
in 1 giorno lavorativo
Compra nuovo
Editore: Mimesis
Collana: Mimesis-Cinema/Origini
Codice EAN: 9788857522968
Dati: 2014, 94 p., ill., brossura
"Ma l'amor mio non muore!" è uno dei film più rappresentativi del cinema muto italiano. Girato nel 1913 da Mario Caserini e interpretato dalla celebre attrice teatrale Lyda Borelli, segnò un'autentica svolta nella produzione cinematografica nazionale. In un momento eccezionale per l'evoluzione della settima arte - tra mutazioni del contesto produttivo, avvento del lungometraggio e uscita coeva di alcuni film destinati a diventare capisaldi della storia del cinema - il film di Caserini fu il primo esempio compiuto di "diva film" e ottenne un successo tale da diventare un vero e proprio fenomeno di costume. Il modello della diva sofferente, divisa tra eros e sacrificio, la messa in scena in profondità di campo, il "centramento alternativo" dello spettatore, la parola scritta come elemento narrativo, il ruolo del suono e della musica diegetica, sono solo alcuni degli elementi di un film che ha segnato in modo indelebile l'arte italiana su grande schermo.